Sign in / Join

Lotta per guidare IS dal bastione Siria Raqa si avvicina alla fine

Ⓒ AFP – BULENT KILIC – | Un membro delle forze democratiche siriane sostenute dagli Stati Uniti controlla le posizioni del gruppo islamico in Raqa l’8 ottobre 2017

I combattenti sostenuti dagli Stati Uniti dicono che stanno avvicinando alla “settimana finale” del loro assalto per guidare il gruppo di stato islamico dal loro bastione siriano unico Raqa, come il califfato autocritico dei jihadisti si sbriciolasse.

Perdere Raqa sarebbe solo l’ultimo in una serie di sconfitte sconvolte per il gruppo estremista, che ha controllato una volta grosse catene di territorio che attraversano il confine tra la Siria e l’Iraq.

Catturato da IS nel 2014, la città settentrionale era la capitale siriaca de facto del califfato autosufficiente dei jihadisti fino all’assalto americano delle forze democratiche siriane, un’alleanza di combattenti curdi e arabi.

Ⓒ AFP – AFP – | Raqa

La milizia ha catturato circa il 90 per cento di Raqa dall’entrata in città nel mese di giugno, dopo mesi di combattimenti per circondarla.

Ora stanno avanzando nei distretti IS di due fronti del nord e dell’est della città, ha detto il comandante Rojda Felat, capo della campagna “Wrath of the Euphrates”.

“Se i due fronti si incontrano, possiamo dire che siamo entrati nella settimana finale della nostra campagna per liberare Raqa”, ha detto Felat a AFP nella periferia occidentale di Raqa di Domenica.

“Entro tre o quattro giorni saremo in grado di prendere la decisione di iniziare la campagna finale”, ha aggiunto.

Felat ha detto che i combattimenti erano ancora feroci lungo la linea frontale, con l’uso di cecchini, bombardieri suicidi e posizioni rinforzate in gallerie per sostenere l’avanzata di SDF.

– Mancanza di posizioni sinistrate –

Ⓒ AFP – BULENT KILIC – |

I jihadisti continuano ad ospitare l’ospedale nazionale di Raqa, lo stadio di calcio vicino e i quartieri residenziali circostanti, tra cui la notevole rotatoria Al-Naim, dove IS ha organizzato decisioni e crocifissi pubbliche.

I combattenti di SDF hanno circondato l’ospedale e stavano domenica preparando una nuova spinta per sequestrare lo stadio prima di trasferirsi ad Al-Naim, ha detto Ali Sher, comandante di campo con le unità di protezione del popolo kurdo (YPG), che costituiscono la maggior parte del SDF .

“Allora, là sarà solo l’ospedale lasciato. A quel punto, chiameremo loro a cedere e se non seguono questi ordini, dovremo abbattere le barriere e entrare nell’ospedale”, ha detto Sher per l’AFP.

Si crede di tenere i civili come scudi umani in ospedale, complicando gli sforzi per catturare la posizione.

Il colonnello Ryan Dillon, portavoce della coalizione guidata dagli Stati Uniti che sosteneva l’assalto della SDF, ha dichiarato che IS stava utilizzando l’ospedale come base militare e fu “fortemente fortificata”.

Ⓒ AFP – BULENT KILIC – | Le forze democratiche siriane sostenute dagli Stati Uniti dicono che stanno avvicinando la “settimana finale” del loro assalto per guidare il gruppo di stato islamico dalla Raqa della Siria

Ha detto che i consiglieri delle forze speciali della coalizione potrebbero accompagnare l’SDF in una spinta per l’impianto, ma non ci sarebbero state “piene unità tattiche di coalizione che aggrediscono l’ospedale”.

Decine di migliaia di civili hanno fuggito dalla città di Raqa e dalla zona circostante, poiché l’SDF ha iniziato la sua offensiva, ma molti altri sono rimasti intrappolati all’interno durante i pesanti combattimenti.

Laila, 32 anni, è fuggito domenica da un edificio vicino allo stadio.

Una madre di tre e incinta del suo quarto figlio temeva che il marito scomparso fosse stato ucciso durante le bombe.

– “urlando sotto le macerie” –

Ⓒ AFP – BULENT KILIC – | Una bomba auto in esplosione è visto in Raqa dopo che il suo autista è stato girato dai membri delle forze democratiche siriane l’8 ottobre 2017

Ha descritto terribile terrore mentre lei ha riparato con i suoi figli durante gli attacchi aerei feroci e il fuoco di mortaio che crollò gli edifici intorno a loro.

“Quelli che erano ancora vivi stavano gridando sotto le macerie ma nessuno osava tirarli fuori perché c’era tanta battaglia”, ha detto.

“Abbiamo vissuto per tre mesi in bagno. Mio figlio mi ha sempre detto:” Voglio solo vedere il sole, voglio solo vedere il sole “. Oggi lo ha visto per la prima volta “.

La perdita della città di Raqa lascerebbe IS con solo una manciata di posizioni in Siria e in Iraq.

Il gruppo è stato costretto dal Mosul dell’Iraq a luglio e la scorsa settimana è stata guidata da Hawija, vale a dire che detiene solo un pezzetto di territorio nella valle di Eufrate, vicino al confine siriano.

L’SDF ha già iniziato una nuova campagna contro i jihadisti per recuperare il territorio che detengono nella provincia orientale di Deir Ezzor, che vicina a Raqa e si trova al confine con l’Iraq.

Lottano sul lato orientale del fiume Eufrate che fianchezza diagonalmente attraverso Deir Ezzor.

Ⓒ AFP – BULENT KILIC – | Decine di migliaia di civili hanno fuggito dalla città di Raqa e dall’area circostante, poiché le forze democratiche siriane hanno iniziato la loro offensiva per riconquistarlo dal gruppo dello Stato islamico

L’esercito di Siria combatte una campagna separata da parte della Russia, in gran parte sulla riva occidentale del fiume, e il mese scorso ha rotto un assedio di quasi tre anni su parti della città di Deir Ezzor.

I ribelli siriani di Pro-Turchia si stanno preparando anche per un’operazione per liberare i jihadisti della provincia nord-occidentale di Idlib.

Lunedì l’esercito della Turchia ha dichiarato di aver lanciato una missione di ricognizione a Idlib giorni dopo che il presidente Recep Tayyip Erdogan ha annunciato un’incursione per licenziare l’ex affiliata siriana di Al-Qaeda dalla zona.

Termini di servizio